closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’amore di un’Argentina in ginocchio per «quello che chiamiamo un Dio»

La dimensione religiosa in queste ore surclassa quella politica. Il sociologo Fortunato Mallimaci: «Il fenomeno ampio, di massa, popolare e giovanile che la figura identitaria di Maradona ha generato in queste ore, in una Argentina messa in ginocchio dalla pandemia e che ancora porta sulla sua pelle i segni del governo neoliberale di Mauricio Macri, ha dello straordinario»

La città si ferma per rendere omaggio a Diego Armando Maradona

La città si ferma per rendere omaggio a Diego Armando Maradona

Il popolo argentino ha dato l’ultimo saluto a Diego Armando Maradona, un peronista nato a Villa Fiorito, all’interno della Casa Rosada. Non senza polemiche e problemi di ordine pubblico. Per l’emergenza sanitaria e non solo. Nel palazzo presidenziale Maradona si sentiva di casa. Dal suo balcone si affacciò nel 1986, dopo la conquista della Coppa del mondo al mondiale messicano. Un anno fa circa, nel dicembre 2019, Diego era andato a far visita al neoeletto presidente Alberto Fernández, che in queste ore gli ha detto addio mettendo sulla bara una camiseta dell’Argentinos Juniors. La sua squadra del cuore, il primo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi