closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Diego Della Valle, l’«illustre ciabattino»

Ritratto. L’imprenditore marchigiano, amante deluso di Renzi, pensa ora alla «necessità» di scendere in politica

Diego Della Valle

Diego Della Valle

Lui è «pronto a dare una mano». Amante deluso di Matteo Renzi, Diego Della Valle vede il governo come una grande promessa non mantenuta. E non è la prima volta che gli accade una cosa del genere: nel 1994 si espresse pubblicamente per Berlusconi, nel 2013 per Monti. E lasciamo perdere com'è andata a finire. Scendere in politica adesso, dice al Corriere della Sera, può essere una necessità: il coraggio è una virtù e il Paese ha bisogno di uomini virtuosi. Mentre ogni volta che qualcuno pronuncia la parola «società civile» una tessera elettorale muore, Della Valle pensa che se...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.