closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Dieci artiste si schierano «dalla parte di Beatrice»

Mostre. Al museo Barracco di Roma, l'arte contemporanea incontra la «Vita Nova» di Dante, nella collettiva a cura di Alessandra Mammì

Giosetta Fioroni, «Innamorarsi - Innamorati azzurri - L’Amour», 2020

Giosetta Fioroni, «Innamorarsi - Innamorati azzurri - L’Amour», 2020

[caption id="attachment_507939" align="alignright" width="683"] Marta Dell'Angelo, Il passaggio[/caption] La lunga pandemia ha interrotto i fili e le trame del nostro vivere insieme e così l’agognata «ripartenza culturale» sembra affidarsi alla minuziosa pratica del cucire e ricucire  frammenti. È, infatti, una mostra che entra in un dialogo complesso con la storia, la letteratura e gli spazi di un museo-scrigno di antichità scultoree quella che si è appena aperta al museo Barracco di Roma - visitabile fino al 19 settembre. Qui dieci artiste italiane, quasi in punta di piedi (al contrario di Damien Hirst alla Borghese), interrogano la Vita Nova di Dante,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi