closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Diciotto mesi di carcere per il soldato-killer

Israele/Territori occupati. Elor Azaria un anno fa ha ucciso a sangue freddo un assalitore palestinese, i giudici però lo ritengono responsabile solo di omicidio colposo. La famiglia del palestinese ucciso: non siamo sorpresi, è stato un processo farsa

La madre di Abdel Fattah al Sharif, il palestinese ucciso da Elor Azaria

La madre di Abdel Fattah al Sharif, il palestinese ucciso da Elor Azaria

«HaGHibor, HaGhibor», «Eroe, Eroe». Erano centinaia ieri mattina a scandirlo davanti al quartier generale dell’esercito israeliano a Tel Aviv, in attesa di conoscere la pena per il soldato Elor Azaria, responsabile quasi un anno fa dell'uccisione a sangue freddo di Abdel al Fattah al Sharif, un assalitore palestinese, non più in condizione di nuocere, che poco prima aveva ferito con un coltello un militare israeliano. Nella folla di "amici di Elor" ieri c'era anche il noto singer nazionalista Ariel Zilber. Con l'accompagnamento di una tastiera elettronica, Zilber ha cantato più volte il brano che ha composto in onore del militare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.