closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Dialogo sociale intermittente

Conferenza sociale. La svolta socialdemocratica voluta da Hollande si arena. Il Medef pretende (e ottiene), Cgt, Fo e Fsu voltano le spalle. Solo la Cfdt partecipa, ma a malincuore. In piazza, proteste varie (dai precari dello spettacolo agli avvocati)

Dove va la Francia di François Hollande, arrivato quasi a metà mandato? Il paese sembra un battello in preda alla tempesta, con un capitano che parla e nessuno lo ascolta, che predica il dialogo sociale ma molti gli voltano le spalle. Quattro sindacati – Cgt, Fo, Solidaires e anche Fsu (scuola) – hanno boicottato ieri la seconda e ultima giornata della Conferenza sociale, il terzo appuntamento della presidenza Hollande sul dialogo padronato-lavoratori, che una volta l’anno avrebbe dovuto consolidare la svolta social-democratica, nel senso di privilegiare la concertazione allo scontro, che il presidente aveva l’intenzione di introdurre in Francia. Ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi