closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Dialoghi impossibili: Sofocle e Freud

Fulmini e saette. Sofocle e Freud mi lasciano il campo, e posso osservare da vicino la kylix attica del Pittore di Edipo...

(2) Sofocle e Freud mi lasciano il campo, e posso osservare da vicino la kylix attica del Pittore di Edipo. Chissà perché perlustrandola mi torna in mente il Nietzsche della Gaia Scienza: «Oh questi Greci! Loro sì sapevano vivere… arrestarsi animosamente alla superficie… adorare l’apparenza…» Quando esco dal Museo Gregoriano Etrusco, traverso il Tevere e vado di buon passo alla Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini – sono certo di trovarli lì, davanti al Narciso di Caravaggio, l’ateniese e il viennese. Infatti. Sono appena giunti al suo cospetto. Sopraggiungo. Il tempo di lanciarmi entrambi un’occhiata (drammaturgica di Sofocle, psicologica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi