closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Di Vetta e Fagiano sorvegliati speciali, un eccesso di potere incostituzionale

Appello. Giuristi democratici contro le misure di prevenezione e controllo in corso di decisione da parte del Tribunale di Roma

Paolo Di Vetta

Paolo Di Vetta

Presto la Corte d’appello di Roma, sezione applicazione misure di prevenzione per la sicurezza e la pubblica moralità, sarà chiamata a decidere sui ricorsi presentati da due esponenti dei movimenti di lotta per il diritto all’abitare, Paolo Di Vetta e Luca Fagiano, colpiti da decreti che dispongono nei loro confronti la misura della sorveglianza speciale: provvedimenti fortemente limitativi della libertà personale (con sacrificio dei diritti di riunione ed espressione e manifestazione del pensiero) e di movimento (con la sospensione della patente di guida). L’utilizzo di questo tipo di armamentario, costruito fondamentalmente per il contrasto e la repressione del fenomeno mafioso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi