closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Di padre in figlia» arriva l’emancipazione per fiction

Televisione. Dal 18 aprile su Raiuno la nuova serie in quattro puntate. La storia di una famiglia veneta dal 1958 agli anni novanta, dal patriarcato alle lotte per i diritti delle donne. Con Cristana Capotondi, Alessio Boni e Stefania Rocca, da un'idea di Cristina Comencini

Alessandro Roja e Cristiana Capotondi

Alessandro Roja e Cristiana Capotondi

La lunga marcia verso l’emancipazione femminile al centro della serie Di padre in figlia prodotta da Angelo Barbagallo e da Raifiction, nata da un’idea di Cristina Comencini e scritta a sei mani da Giulia Calenda con Francesca Marciano e Valia Santella, in onda dal 18 aprile in prima serata su Raiuno. Quattro puntate per un arco di tempo che si estende dal 1958 fino ad arrivare alle soglie degli anni 90, dove si dipana con più di un colpo di scena la storia della famiglia Franza che dal Brasile arriva a Bassano, dominata da padre padrone Alessio Boni, proprietario di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.