closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Di Maio riconosce i «riders» in lotta per i diritti

Gig Economy in Italia. Primo atto del neo-ministro del lavoro, via a un "tavolo nazionale", Deliveroo accetta. Il vice-premier: "I ciclo-fattorini "sono il simbolo della nostra generazione vittima delle leggi sulla precarietà". Bologna Riders Union: "Sfidiamo il governo a un confronto con i ciclo-fattorini che si organizzano nelle città e a riconoscere le rivendicazioni senza fare spot, né passerelle mediatiche"

L’incontro al ministero del lavoro tra Luigi Di Maio e i ciclo-fattorini

L’incontro al ministero del lavoro tra Luigi Di Maio e i ciclo-fattorini

Per il neo-ministro del lavoro e dello sviluppo Luigi Di Maio i ciclo-fattorini, incontrati ieri al ministero a Roma, sono il «simbolo della nostra generazione abbandonata, vittima di tante leggi che normavano i rapporti di lavoro e li rendevano ancora più precari». È stato un atto forte, e non scontato, il primo ufficiale da ministro, quello fatto ieri di Di Maio che poi ha incontrato gli imprenditori brianzoli di «Drappo bianco» al Mise. Le sue parole hanno segnato una netta discontinuità con i suoi predecessori, addirittura forse un'identificazione, non certo di classe, ma almeno generazionale, da parte del trentunenne pentastellato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.