closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Di Maio e la carta della conta interna: votare il Mes per cambiare il M5S

M5S. Il futuro dei 5 Stelle e il destino della maggioranza

Vito Crimi e Luigi Di Maio

Vito Crimi e Luigi Di Maio

«Penso che la riforma del Mes passerà per tenere in vita il governo. Ciò però non ci impedirà di dividerci al nostro interno», rifletteva un deputato grillino nella notte tra venerdì e sabato scorso, quando l’assemblea congiunta dei parlamentari era finita da poco. La prospettiva pare contraddittoria: se il voto sul fondo salva-stati promuove la maggioranza, allora i M5S dovrebbero venirne fuori compatti. Ma lo scenario paradossale aiuta a cogliere la contraddizione. Di fronte ad una scelta che i vertici hanno presentato come un voto di fiducia sul governo difficilmente ci saranno defezioni. Al palazzo Madama, dove la maggioranza rischia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi