closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Di Maio difende il movimento, ma lo scandalo cresce

Mancati rimborsi. Il candidato premier: «Diventerà un boomerang per gli altri partiti». Va via anche l’europarlamentare David Borrelli, fedele di Casaleggio

Battuti sul terreno dell’onestà? Dal Movimento 5 Stelle non ci pensano proprio, dicono che la bufera sulle mancate restituzioni di quote di stipendio dei parlamentari si ritorcerà contro gli altri partiti. Al tempo stesso, però, ci tengono a mostrarsi inflessibili. Ecco perché, alla fine dei 22 mila chilometri di giro d’Italia che hanno caratterizzato la prima fase della sua campagna elettorale, Luigi Di Maio si è precipitato a Roma a mostrare le sue credenziali allo sportello della banca di Montecitorio. A fine giornata, dal M5S arriva un dispaccio che certifica i nomi dei primi cinque parlamentari responsabili di essere venuti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.