closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Detroit salvata dall’arte

Storie americane. La città di Detroit in bancarotta viene risanata dall'arte, grazie a un accordo tra le varie fondazioni condotto con certosina pazienza dal giudice Rosen. Di fronte al rischio di mettere all'asta le opere della collezione del Dia, aziende come la Ford si mobilitano e coprono parte del debito, assicurando così le pensioni agli abitanti

Un particolare del murale di Diego Rivera all'entrata del museo Dia di Detroit

Un particolare del murale di Diego Rivera all'entrata del museo Dia di Detroit

Anche uno scalo all’aeroporto di Detroit dà il senso della storia recente della città. Dall’alto, l’ex capitale dell’industria automobilistica americana (che ha una superficie di 139 miglia quadrate) appare come un patchwork: vaste aree abbandonate, spesso riconquistate dalla sterpaglia come in un paesaggio post apocalittico descritto da Richard Matheson, si alternano a gruppetti di case; i luccicanti grattacieli del distretto finanziario, sulla riva del fiume che connette il sistema dei Grandi laghi alla Saint Lawrence Seaway, come una fortezza d’argento. Anche l’aeroporto ha qualcosa che lo rende un fantasma: il terminal lunghissimo sembra nuovo smagliante, con una navetta sopraelevata bianca...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.