closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Deledda, un destino da Nobel

Intervista. Michela Murgia interpreta la scrittrice in "Quasi Grazia" con la regia di Veronica Cruciani

Michela Murgia con Lia Careddu, Valentino Mannias, Marco Brinzi

Michela Murgia con Lia Careddu, Valentino Mannias, Marco Brinzi

A Nuoro, diciamo la verità, non l’hanno mai digerita. Basterebbe girare oggi per le strade della città in cerca di qualche traccia, per capire che il paesino dell’entroterra sardo in cui è nata Grazia Deledda, unica donna italiana ad aver ricevuto il Nobel per la letteratura (era il 1926), quella scrittrice l’ha sempre osservata con sospetto e diffidenza. «La chiamavano ‘la contadinella’, ‘la brava massaia’, ‘l’ortolana’ e oggi, in suo onore, c’è una statua alta appena un metro e 40…», ci racconta Michela Murgia, anche lei scrittrice, anche lei sarda, anche lei animata da una grande voglia di autonomia e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.