closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Decreto legge mangia decreto legge: anche Draghi ci casca

Governo - parlamento. Nello stesso giorno in cui si impegna di nuovo a non abusare di una tecnica legislativa censurata dalla Corte costituzionale, l'esecutivo comunica che il provvedimento con le nuove restrizioni sarà assorbito da uno degli ultimi testi del Conte 2

La camera dei deputati

La camera dei deputati

Decreti legge che mangiano altri decreti legge, in parlamento li chiamano «decreti minotauro». Il governo Conte 2 aveva segnato un record, utilizzando ben 13 volte questa tecnica. Non proprio sconosciuta in precedenza - quando non c’era da affrontare una pandemia - usata però con prudenza perché censurata dalla Corte costituzionale: «Pregiudica la chiarezza delle leggi e l’intelligibilità dell’ordinamento». Ma ecco che il governo Draghi alla sua prima occasione ci casca anche lui. Il decreto legge che proroga il divieto di spostamenti tra regioni, approvato lunedì da un esordiente Consiglio dei ministri e firmato ieri sera da Mattarella, sarà travasato per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.