closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Decolonizzare il confine

Movimenti. Partendo dalla concezione di confine come uno spazio di produzione e riproduzione della matrice coloniale del potere, è possibile rintracciare pratiche di decolonizzazione del confine stesso, inteso come astrazione e luogo invisibile

Murales di Levalet

Murales di Levalet

Il confine è un concetto profondamento eterogeneo e polisemico, porta con sé molteplici strati di significato, a partire dalla questione delle migrazioni. Nell’immaginario collettivo esso è sinonimo di una linea tracciata su una mappa, ovvero la sua manifestazione geopolitica, immagine che sembra lasciare da parte - ad esempio, il suo senso morale, linguistico o cognitivo. A partire dalla Modernità, quando dal diciassettesimo secolo in Europa si inizia ad affermare lo stato territoriale, cambia il significato di territorio e con esso il legame che ha con quello di confine: il territorio diviene confinato. Questo binomio, insieme alla moderna cartografia, riporta a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi