closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Deborah Haywood: «una fiaba sui disagi dell’adolescenza»

Cinema. Parla la regista inglese che presenta la sua opera prima «Pin Cushion alla Settimana della Critica». «Ho aggiunto anche dei riferimenti all’attualità perché i social media hanno cambiato la prospettiva quando si parla di bullismo e di sopraffazione»

Deborah Haywood

Deborah Haywood

È un racconto crudele della giovinezza quello di Pin Cushion, film d’esordio della regista inglese Deborah Haywood presentato in apertura della Sic. Le protagoniste, l’adolescente Iona e l’impacciata madre schernita da tutti per la sua gobba, si trasferiscono un giorno in una piccola cittadina inglese dove ricominciare le loro vite – anche se del loro passato non ci è dato sapere nulla. Circondate da peluche e soprammobili di porcellana vivono in una sorta di mondo parallelo che verrà infranto dall’ingresso di Iona a scuola, dal suo desiderio di essere accettata, dalla vergogna che prova nei confronti di chi viene percepito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.