closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Debito pubblico, il «bazooka» che Draghi (e la sinistra) non vuole usare

La proposta di Wyplosz. La Bce potrebbe comprare un quarto dei bond europei consentendo a stati e banche di liberarsi di titoli "critici". Per la sinistra l'Europa è la sfida più grande. Che purtroppo non viene raccolta

Il presidente della Bce Mario Draghi

Il presidente della Bce Mario Draghi

Un influente economista europeo, Charles Wyplosz, è coautore di una proposta di una semplicità cristallina per cominciare a sdrammatizzare la crisi in corso (voxeu.org). In breve Wyplosz propone che la Bce acquisti un quarto dei debiti pubblici dei paesi europei periferici (Francia inclusa) pari a 1.200 miliardi di euro, circa un quarto del loro Pil. In sostanza, man mano che titoli del debito di questi paesi vengono a scadenza, la restituzione viene finanziata dalla Bce che in cambio ottiene titoli perpetui con un tasso di interesse zero. Operazione quindi a costo zero per i contribuenti europei. Ma che fine fa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi