closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Pagamenti alle imprese, troppi ritardi. La Ue mette sotto infrazione l’Italia

Cartellino rosso. "Fino a 210 giorni per saldare anziché 30-60". "Sorprendente", giudica Padoan. Governo e Pd contro il commissario Tajani. Confartigianato: "Ora si allenti il Patto di stabilità"

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan

Ancora troppo lunghi i pagamenti dei debiti della pubblica amministrazione. La Commissione Ue ieri ha aperto una procedura d'infrazione contro l'Italia: il nostro Paese, afferma Bruxelles, non applica correttamente la direttiva Ue sul ritardo dei saldi dovute alle imprese. Gli imprenditori che vantano un credito nei confronti di Regioni, Asl, ministeri o Comuni non vengono pagati a 30-60 giorni, come previsto dalle regole comunitarie, ma con ritardi che arrivano addirittura fino a 210 giorni. Una mossa «francamente incomprensibile» e «sorprendente», ha commentato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, intervenuto in conferenza stampa con la ministra dello Sviluppo Federica Guidi sulle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.