closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

De Magistris commissaria l’acqua pubblica

Napoli. Non ancora nominati gli esponenti della società civile nel cda, e il sindaco affida «pieni poteri» a un consigliere. A rischio il modello partecipativo. «Ma è un provvedimento transitorio, per non perdere i fondi»

Che il nemico dei beni comuni fosse alle porte era ormai chiaro. Il laboratorio napoletano per la gestione pubblica e partecipata dell’acqua è un granello che rischia di inceppare il complesso meccanismo delle multinazionali, in stato di agitazione permanente dopo il referendum sull’acqua. La trasformazione della società per azioni Arin nell’ente pubblico Abc Napoli è stata la prova tangibile della possibile ripubblicizzazione dei gestori dell’acqua, dando piena attuazione al voto del 14 giugno 2011. Il nove agosto scorso qualcosa è però accaduto. Il sindaco Luigi De Magistris ha annunciato in una lettera inviata al Miur - documento che il manifesto ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.