closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Darius, 16 anni, linciato

Francia. Un giovane rom, accusato di furto, aggredito e abbandonato in coma in un caddy di supermercato lungo la Nazionale 1, alla periferia di Parigi. L'indignazione dei politici. Le denunce delle associazioni. Il disastro di una guerra tra poveri che travolge i più deboli nell'indifferenza (o nel disprezzo) generale

Il fatto è atroce. Ma lo sono anche la maggior parte dei commenti degli internauti sotto la notizia sui siti dei principali giornali. C’è pochissima compassione per Darius, un giovane rom di 16 anni, ancora ieri ricoverato all’ospedale Lariboisière a Parigi, tra la vita e la morte dopo essere stato linciato, la sera di venerdi’ scorso e abbandonato in coma e insanguinato dentro un caddy di supermercato lungo la Nazionale 1, nel comune di Pierrefitte-sur-Seine, alla periferia della capitale nel dipartimento popolare della Seine-Saint-Denis. La maggior parte dei commenti mostra comprensione per gli aggressori, giustificati dal fatto di essere vittime...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.