closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Dante in Cina, baluardo patriottico o linguistico?

Omaggi. Negli anni ’40, lo scrittore Lao She (1899-1966) compose tre sapienti saggi sulla «Commedia». Letti oggi, ci appaiono l’espressione del dissenso contro il silenzio a cui si voleva piegare la letteratura

Una rielaborazione da un'incisione di Gustavo Doré

Una rielaborazione da un'incisione di Gustavo Doré

Parlare di recezione di Dante in Cina implica limitare il discorso a un arco temporale di circa cento anni e concentrarsi principalmente sull’attività traduttiva, poiché una feconda critica dantesca non si è mai sviluppata. In un recente saggio del 2015, Rassegna degli ultimi 100 anni di Dante in Cina, il medievista Jiang Yuebin muove critiche severe ai colleghi comparatisti, e ai pochi dantisti, accusandoli di essersi rinchiusi in un isolamento che li ha resi incapaci di instaurare rapporti dialogici e interdisciplinari con il resto del mondo e soprattutto di offrire contributi originali alla dantistica mondiale. In realtà nelle prime decadi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi