closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Daniele Sepe e il «contagio» vitale di un sassofono

Musica. Due album licenziati dal musicista napoletano sulle piattaforme digitali: «Lockdown#1 e 2»

Daniele Sepe

Daniele Sepe

Il torrenzialmente sulfureo Daniele Sepe è stato messo al tappeto dalla pestilenza pandemica. Per reagire, in qualche modo, all’impossibilità di esibirsi dal vivo, il sassofonista napoletano ha affittato uno studio e ha registrato un po’ del repertorio abitualmente eseguito live, insieme ai suoi fidi accompagnatori della Rote Jazz Fraktion. In questo tempo carico di incertezze, si è affidato ai pilastri della buona educazione musicale: grande scrittura jazzistica, amate colonne sonore da film, melodie popolari e napoletane, quel tocco d’imprevedibilità e ironia in grado d’incendiare le trombe di Eustacchio, i padiglioni auricolari e altri condotti uditivi assortiti. NE SONO VENUTI fuori...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.