closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Daniele Del Giudice, il dolore della realtà e la precisione del mondo

RITRATTI. Addio allo scrittore, tra i grandi del secondo Novecento italiano, scomparso a Venezia all’età di 72 anni. Il suo primo romanzo, «Lo stadio di Wimbledon» (1983), fu sostenuto con convizione da Italo Calvino. Tra i suoi libri, «Atlante occidentale» (1985), «Nel museo di Reims» (1988), «Staccando l’ombra da terra» (1994)

Daniele Del Giudice, foto di Roby Schirer

Daniele Del Giudice, foto di Roby Schirer

Autore affascinante, misterioso e prezioso. Aggettivi che in qualche modo descrivono anche il suo modo di guardare alle cose e di scriverne. Perché, in effetti, Del Giudice, scomparso ieri, sembrava assolutamente affascinato, stregato anzi, da quel che ricadeva nelle sue attenzioni, tanto che egli stesso aveva lavorato intorno alle sue fissazioni. Nell'ultimo volume di suoi scritti, In questa luce (Einaudi, 2013), che già alla sua uscita poteva apparire come una rappresentazione autobiografica e testamentaria della sua immaginazione e del suo lavoro di scrittore, parlava espressamente di «manie». Proprio come se l'osservazione e la riflessione fossero strumenti per addentrarsi nel mistero...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.