closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Dall’Ue ancora un attacco ai salari. Olli Rehn provoca, la Ces risponde

Neoliberismo . Bruxelles chiede di tagliare gli stipendi per la ripresa. I sindacati europei: "Sono politiche fallimentari"

Il commissario europeo Olli Rehn

Il commissario europeo Olli Rehn

Una provocazione. Per la Confederazione dei sindacati europei è l'unica chiave di lettura possibile della proposta di Olli Rehn di ridurre i salari del 10% per rilanciare la crescita. L'ineffabile vicepresidente della Commissione europea non è nuovo a sortite del genere. Ma nonostante la delega agli affari economici e monetari che ne fa un uomo forte di Bruxelles, l'idea di comprimere ulteriormente gli stipendi è in aperta controtendenza con le analisi di centri studi ed economisti, non soltanto eterodossi. Nel vecchio continente continuano a farsi sentire gli effetti deleteri delle politiche di cieca austerity imposte dalla Ue. Eppure Rehn rilancia,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.