closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dalle macerie di Cizre emergono i cadaveri

Turchia. Le famiglie che tornano in città dopo la fine del coprifuoco diurno si trovano di fronte devastazione e morte. Quasi 200 i civili uccisi, Intanto il Pentagono approva la vendita di bombe guidate per un valore di 680 milioni di dollari

Funerali nel Kurdistan turco

Funerali nel Kurdistan turco

Cizre come Gaza, Cizre come Kobane: le telecamere entrano nella città kurda dopo tre mesi di coprifuoco e le immagini che portano indietro sono le stesse. L’identica devastazione provocata dalle brutalità dello Stato Islamico a Rojava, un livello di distruzione drammaticamente simile a quello lasciato dai caccia israeliani nella Striscia. Cizre, ad un passo da Siria e Iraq, lungo il fiume Tigri, era già abitata nella prima età del ferro. In quell’età ci si è rituffata, ma stavolta il ferro era quello dei carri armati turchi. Sono centinaia i civili uccisi da quella che per Ankara è un’operazione anti-terrorismo, ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.