closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Dalle baraccopoli al Campidoglio: «Sbloccate le assegnazioni di case popolari»

Diritto all'abitare. Gli abitanti dei campi rom della capitale sono andati ieri mattina al comune per chiedere di riaprire la graduatorie per l'edilizia pubblica. Da ottobre a dicembre 2020 a Roma è stato assegnato un solo alloggio

La protesta in Campidoglio

La protesta in Campidoglio

«Siamo stati chiamati con nomi diversi: slavi, nomadi, zingari, rom. Soprattutto siamo stati trattati in maniera differente, perché considerati cittadini di serie B, o meglio di serie Z, perché “zingari”». Tre donne hanno letto ieri questa lettera davanti al Campidoglio, durante una manifestazione degli abitanti delle baraccopoli romane di Candoni, Castel Romano e Barbuta. Si sono dati appuntamento in una fredda mattina di gennaio per portare al centro della città il bisogno che cresce nelle sue periferie più remote: la casa popolare. «BASTA UFFICI SPECIALI per i rom, basta bandi fatti apposta su di noi, chiediamo solo di riaprire le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi