closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La tratta delle ragazze dalla Nigeria all’Italia via Libia: «Preghi di morire»

Da Benin City all'inferno e ritorno. Storie di abusi infiniti nell'ultimo rapporto di Human Rights Watch

Benin City, 27 giugno 2019. Una delle circa 14 mila giovani che hanno approfittato del programma di ritorni volontari delle Nazioni unite per rientrare in Nigeria con il suo bambino

Benin City, 27 giugno 2019. Una delle circa 14 mila giovani che hanno approfittato del programma di ritorni volontari delle Nazioni unite per rientrare in Nigeria con il suo bambino

Blessing come molte altre ragazze nigeriane ha accettato l’allettante proposta di lavoro in Libia come collaboratrice domestica per un salario di 150.000 naira (circa 400 euro, tre volte lo stipendio medio nel suo paese). Una volta in Libia la "signora" le ha svelato che tipo di lavoro avrebbe dovuto fare, akwuna (la prostituta) così lei le ha detto «ma non è un lavoro domestico». La "signora" le ha risposto «sì che lo è». Blessing è stata minacciata di morte e chiusa in una stanza per quattro giorni senza cibo. «Uscirai quando restituirai il tuo debito per il viaggio (4 mila...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.