closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Rai, dalla lottizzazione al feudo di governo

Viale Mazzini. La beffa, dopo vent'anni di occasioni mancate. Il dubbio che Renzi non abbia consultato Gentiloni, autore a suo tempo di una riforma molto più coraggiosa

Roma, viale Mazzini, il cavallo simbolo della Rai

Roma, viale Mazzini, il cavallo simbolo della Rai

Dopo vent’anni di occasioni mancate dal centrosinistra, di riforme malfatte e di altre inevase (solo la «par condicio», oggi fatta fuori nei fatti, fu all’altezza delle aspettative e conforme alle esigenze del «far west» italico), questa cosiddetta «riforma Rai» di Renzi ha il sapore amaro della beffa. Anche qui più che prendersela con il premier ci sarebbe da scavare sulle colpe di una sinistra che non ha mai voluto seriamente affrontare, anche quando è stata al governo, la questione televisiva e quella della messa in sicurezza della Rai in particolare. Ora la Rai è al sicuro, ma nelle mani del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi