closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Dalla Grecia all’Europa

Merkel e Tsipras

A fronte dei muri e degli eserciti che l’Europa costruisce e schiera per respingere i migranti in fuga da guerre, violenze, fame e povertà, l’altra guerra, quella economica che l’ha attraversata e deformata, sembra quasi eclissata. E lontana dai riflettori è tornata la piccola Grecia che della oppressiva campagna finanziaria è stata, e ancora resta, la cavia da laboratorio delle politiche liberiste. Ma nella terra del Partenone la resistenza invece continua. E per la terza volta in pochi mesi, dopo le elezioni di gennaio e il referendum di luglio, oggi le urne si riapriranno affinché di nuovo i cittadini possano esprimere la loro volontà politica. Per dire chi li dovrà governare e chi potrà meglio difendere gli interessi di milioni di persone.

Alexis Tsipras si rivolge ai greci chiedendogli la fiducia e la forza elettorale necessarie per guidare il paese. Però né il leader che chiama il popolo a sostenerlo, né il popolo che deve decidere se tornare a votarlo, sono gli stessi di qualche mese fa. Sulle spalle del giovane politico grava soprattutto il macigno del memorandum imposto dall’Europa. Per sostenerne il peso senza essere schiacciato, Tsipras ha bisogno di una forza notevole, in grado di accompagnarlo nella difficile, solitaria sfida per applicare le richieste europee. E nello stesso tempo deve trovare il modo di proteggere le classi sociali più colpite. Un’impresa dunque. Resa, se possibile, ancora più ardua dall’escalation del tragico esodo dei migranti che ogni giorno approdano sulle isole greche. Non è lo stesso popolo che ha lottato per allontanare il giogo delle misure economiche che hanno ferito i bisogni primari del lavoro, della salute, delle speranze delle giovani generazioni.

Quanto sia più complicato riportare al voto – e alla fiducia nella democrazia – i greci che il 25 gennaio avevano tributato a Syriza oltre il 35 per cento del consenso, meglio di tutti lo sanno Tsipras e il gruppo dirigente che lo sostiene. È lo spettro di una rassegnata astensione il nemico da battere. Queste elezioni rappresentano lo snodo cruciale per il futuro di un popolo e, insieme, sono il banco di prova dell’agibilità politica di un governo di sinistra nelle condizioni peggiori. Eppure, proprio per questo, si tratta – come abbiamo capito e imparato dai lunghi mesi di lotta di Syriza contro l’austerità europea – di un cimento che oltrepassa i confini ateniesi. Nel mare aperto, senza rotte tracciate da precedenti navigatori, che Tsipras ha scelto di attraversare, navigano tutte le sinistre europee, comprese quelle che in Italia vorrebbero vedere la nascita di una forza certamente radicale e al tempo stesso di governo.

Ogni giorno sperimentiamo la difficoltà di un progetto così ambizioso e inedito, perché nelle fasi di crisi economica, è molto più facile assegnarsi il ruolo di opposizione contro le politiche liberiste dei governi. E non pochi considerano una follia assumere il compito di governare quando la crisi, anzi, quando il crollo di un intero sistema economico e sociale, cancella i diritti e gli assetti democratici novecenteschi.

Per Tsipras sarebbe più semplice, di fronte al prezzo politico e personale da pagare, lasciare la Grecia nelle mani dei politici che dal 2009 ne hanno sgovernato l’economia. Sarebbe anche stimolante tornare nella terra conosciuta delle piazze, magari per chiedere il ritorno alla dracma come adesso reclamano gli esponenti di Unità popolare, fuoriusciti da Syriza.

Per il leader il bilancio è durissimo. Quel memorandum che occupa Atene come un panzer ha spaccato il «partito» e ha indebolito il governo. E allora perché sfidare la sorte in elezioni molto incerte? «Perché chi sta lottando, anche se viene ferito, non smette di lottare». Sono le parole dette al manifesto da Nikos Kotziàs, l’ex ministro degli esteri del governo Tsipras, e racchiudono in un’immagine vera tutto il significato del voto.

La sofferenza del popolo greco non troverebbe giovamento con il centrodestra, perché solo un governo di sinistra può tentare di alleviare le misure dell’austerità. Ma questo risultato elettorale va ben oltre, perché se c’è un modo per portare l’Europa a discutere del debito dei paesi del lato sud del Continente serve una vittoria alle urne.

La sfida greca ha un’importanza che è stata colta solo negli ultimissimi giorni dagli italiani che vorrebbero un cambiamento anche qui. L’appello firmato l’altro ieri da alcuni protagonisti della sinistra è piccola cosa rispetto alle prospettive aperte da Tsipras. Perché dopo è venuta la Spagna con Podemos; perché un politico «socialista» ha vinto le primarie nel Labour Party; perché adesso in Italia finalmente si discute su come costruire una forza in grado di porsi come alternativa.

Dunque nel voto greco non è in gioco solo il destino di un leader e di un paese intero: c’è anche il futuro delle sinistre in Europa.

  • Filippo2

    La vittoria di Tsipras farà felici non solo le sinistre disperse nostrali ed internazionali, ma ancor più i mercati finanziari. Acclarata l’accettazione della pax europea (permanenza nell’euro e saccheggio di quel che c’è da raccattare a cura di chi arriva primo) tutto procederà più tranquillamente se sarà la sinistra a gestirlo.
    Il programma è chiaro: “..appli­care le richie­ste euro­pee…” coprendone l’odore cadaverico con le spezie retoriche de “…la resistenza invece continua…” ed aggiungendo alcuni pannicelli caldi nominalmente volti a “…pro­teg­gere le classi sociali più col­pite…”. Se davvero a farlo sarà una sinistra di governo appiattita sulle ricette della destra, avremo la quadratura del cerchio: le proteste si ridurranno al minimo possibile e sparirà dall’orizzonte l’idea che scelte diverse siano possibili.
    Ciò davvero servirà a difendere concretamente “…gli inte­ressi di milioni di persone…” salvo che queste non sarano le classi povere della Grecia bensì il top ten% sovrananzionale che al momento si trova nella parte favorevole della piramide distributiva.
    Molto banalmente, il sistema di moneta unica continua efficaemente a trasferire ricchezza e potere dalle economie periferiche e classi povere verso chi sta meglio, mentre i riflessi sul piano politico sono l’aumento delle tensioni ed il restringimento dell’integrazione politica europea, nonché dello spazio decisionale agibile alla politica in quanto tale.
    L’Euro è stato un progetto errato e non è riformabile, occorre uscirne, prima sarà e meglio è.

  • Battista SXT Vennherba

    Quello che raramente si è detto del governo Tsipras è il motivo di questa vittoria: sono stati bravi. Syriza non è solo Tsipras e Varoufakis al tavolo con Schauble e gli altri pro-austerity.

  • http://nienteslogan.altervista.org/ mila mercadante

    non avresti potuto dirlo meglio, Tsipras e la sinistra ormai costituiscono una garanzia per le politiche neoliberiste. I milioni di euro che la UE spende ogni anno per la propaganda hanno dato buoni risultati: la maggioranza dei cittadini europei è convinta che l’Europa si possa cambiare perché le hanno fatto credere che sarebbe sufficiente ridimensionare la leadership tedesca. Capire che Europa significa euro e che euro significa fascismo è difficile.

  • fabnews

    uno dei padri fondatori dell’Euro, assieme ad altri, e’ stato Mitterrand: politico che ha introdotto politiche molto sociali (e ben poco fasciste) per il benessere dei cittadini. Sono i leaders incapaci di adesso tipo Hollande, Merkel e Renzie che stanno creando divisioni, sfascio, debiti e intolleranza per le istituzioni, non l’Euro per come era stato inizialmente concepito. Prenderesela solo con l’Euro e’ da qualunquisti…

  • http://nienteslogan.altervista.org/ mila mercadante

    lieta di essere qualunquista, allora.

  • Filippo2

    No, non sai tratta di qualunquismo bensì di realismo.
    Le dinamiche “redistributive alla rovescia” (toigliere alle periferie per dale al centro) quotidianamente, silenziosamente ed automaticamente generate dall’Euro, costituiscono un terreno di fondo nel quale anche le intenzioni più progressiste vengono costrette entro vincoli che le strangolano e, quel che è peggio, gli spazi e lo stesso concetto di decisione politica vengono sacrificati a “necessità” finanziarie tuttaltro che necessarie.
    E’ doloroso rinunciare all’idea di un’Europa che, unita inizialmente dalla moneta, si sarebbe progressivamente dovuta integrare politicamente costruendo un continente orientato verso la laicità, progressismo etc., ma dobbiamo prendere atto che le forse dell’economia stanno superando quelle della politica, la forza delle cose prevale ragamente sulle intenzioni e gli effetti sono quelli che vediamo.
    Rinunciare ad aprire gli occhi e rifiutarsi di buttare a mare la zavorra di delle scelte errate significa non solo bollire a fuoco lento i ceti meno abbienti, ma regalare contemporaneamente ai leghismi e nazismi di ogni paese le istanze anti-Euro, un’arma elettorale la cui potenza continuerà a crescere ogni giorno di più (fino al prossimo 1933?)

  • fabnews

    il problema vero dell’Euro oggi e’ che non puo’ esistere un’unione monetaria senza meccanismi di tassazione e ripartizione richezza simili in tutti i paesi membri. Molti dicono che sarebbe necessaria un’unione fiscale. Secondo me per il momento basterebbe che venisse combattuta l’evasione fiscale soprattutto in paesi come Grecia e Italia. Tsipras ha dimostrato di non voler introdurre sistemi di tassazione consistenti per le caste greche (industriali, religiose, ecc.) e questo e’ stato uno dei temi di scontro principale con Juncker (diverso dallo scontro con Schauble che la Grecia vuole punirla e saccheggiarla in toto). Per quello che riguarda l’Italia, chi vuole evadere il fisco e falsificare i bilanci e’ la casta dei bunga-bunga che ancora oggi pilota pesantemente il nostro governo. Non per niente il maggior sostenitore dell’uscita dall’Euro in Italia e’ proprio l’ex-cav. che ordina ai suoi sottoposti Salvini e Grillo di fare campagna xenofoba anti-euro. Nei venti anni di governi dell’emiro di Arcore, senza Euro l’Italia sarebbe oggi la nuova repubblica di Bunga-Panama…