closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Dalla Gran Bretagna a Napoli, le varianti non sono tutte uguali

Covid-19. Zone rosse mirate e sei regioni a rischio. Potrebbe cambiare la durata della quarantena. La mutazione più diffusa viene dall’Inghilterra, ma le altre sfuggono ai vaccini. Dunque serve una campagna più spedita. Parere dell’Aifa: innalzato a 65 anni il limite di età per il vaccino AstraZeneca

L’asilo Munari di Ospiate, frazione di Bollate, chiusa a causa di un focolaio della variante inglese

L’asilo Munari di Ospiate, frazione di Bollate, chiusa a causa di un focolaio della variante inglese

I 12 mila casi positivi di ieri sono perfettamente in linea con la media rilevata nelle ultime due settimane. Ma dalla comunità scientifica giungono segnali di allarme. Secondo i dati consegnati ieri dalle Regioni alla cabina di regia, l’indice di trasmissione Rt è tornato vicino a 1 o poco sopra in Lazio, Marche, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna. Queste sei regioni rischiano di finire da domenica in zona arancione. In alcune aree limitate le restrizioni sono già iniziate: da ieri alle 18 sono in zona rossa Bollate (Milano), Castrezzato (Brescia), Mede (Pavia) e Viggiù (Varese), dove scuole e negozi rimarranno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi