closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Dalla cattedra al carcere duro. L’ingiustizia infinita di Erdogan

Da piazza Taksim alle aule dei tribunali. Il paese si mobilita per Nuriye e Semih, simbolo della resistenza alle purghe scattate dopo il fallito golpe dello scorso luglio. Monta la protesta contro i quasi 140 mila licenziamenti e i processi farsa

Nuriye Gülmen e Semih Özakça durante una protesta di piazza per riavere il loro lavoro

Nuriye Gülmen e Semih Özakça durante una protesta di piazza per riavere il loro lavoro

Una folla di giovani e meno giovani riempie ancora una volta piazza Taksim, simbolo della rivoluzione di Gezi Park e teatro della repressione. «Lunga vita alla nostra causa e alla nostra resistenza», intonano a gran voce mentre sollevano cartelli con le scritte, «rivogliamo il nostro lavoro» e «governo illegale». Gli agenti di polizia restano in disparte, ai margini della piazza. LA PROTESTA È PACIFICA, ma decisa. Alcuni mostrano le foto di Nuriye Gülmen e Semih Özakça, divenute ormai simbolo della lotta contro l’oppressione; «Ridategli il lavoro», «Non siete soli», continuano a ripetere. È anche per loro che la Turchia si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.