closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Dalla cameretta al Cdc

Stati uniti. Come l’informatico Youyang Gu, sconosciuto ai più, è arrivato a sedersi ai tavoli dei massimi esperti di pandemia senza un curriculum. Non è un caso Gerli, ma una storia tutta americana

Joe Biden in visita al Centers for Disease Control and Preventio di Atlanta; in basso l’avatar di Youyang Gu

Joe Biden in visita al Centers for Disease Control and Preventio di Atlanta; in basso l’avatar di Youyang Gu

Cdc è la sigla di Centers for Disease Control and Prevention. È il principale centro di ricerca statunitense, e forse del mondo, sulle malattie infettive. Tra i suoi compiti c’è anche quello di fornire previsioni sull’evoluzione dell’epidemia di Covid-19, facendosi aiutare da una cinquantina di gruppi di ricerca universitari, agenzie governative, società di consulenza, che ogni lunedì entro le 18 inviano le previsioni su casi positivi, ricoveri e decessi associati al Covid-19 per le settimane successive. Calcolando la media di tutte queste previsioni il Cdc è stato in grado di anticipare l’andamento della pandemia con buona approssimazione. MA CHI SONO...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi