closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Dalla banda del “Grand Jeu” al viaggio iniziatico finale

Irregolari francesi. Torna da Adelphi Il Monte Analogo: lasciato incompiuto da René Daumal nel 1944, era l’esito di un percorso alla ricerca della sapienza individuale cominciato a scuola tra Reims e Parigi

Joseph Sima, Sans titre, 1952, collezione privata

Joseph Sima, Sans titre, 1952, collezione privata

Nella sarabanda della carta stampata che slavina ogni giorno nei supermarket, versus «librerie», con ondate di capolavori letterari dovuti a plotoni di geniali scriventi, spiazza l’attenzione sorprendere, come affiorato dalla spuma di una risacca, Il Monte Analogo di René Daumal, riproposto da Adelphi a cura di Claudio Rugafiori («Biblioteca», pp. 143, e 18,00) in una nuova edizione riveduta e ampliata (la prima risale al 1968). «Sotto le parvenze di un romanzo d’ avventure, o di un racconto fantastico, Il Monte Analogo ci offre un itinerario minuzioso, lentamente maturato nelle esperienze dell’autore, verso un centro, sentito come liberazione della persona da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi