closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Dal neofascismo alla ‘ndrangheta passando per la strage di Bologna

Inchieste. La figura «nera» di Paolo Bellini nel libro di Giovanni Vignali, edito da PaperFirst. Il 16 aprile si aprirà un nuovo processo per la bomba del 2 agosto 1980 alla stazione che lo vedrà come principale imputato

L'orologio della stazione di Bologna fermo nell'ora della strage

L'orologio della stazione di Bologna fermo nell'ora della strage

Il prossimo 16 aprile si aprirà a Bologna un nuovo processo per la bomba del 2 agosto 1980 alla stazione, che vedrà come principale imputato Paolo Bellini, ex di Avanguardia nazionale, accusato di concorso in strage. Con lui, per aver ostacolato le indagini, verranno giudicati l’ex capitano dei carabinieri Piergiorgio Segatel e Domenico Catracchia, amministratore di alcune palazzine in via Gradoli a Roma per conto del Sisde (il servizio segreto dipendente dal ministero dell’Interno), dove trovarono ospitalità due covi dei Nar. A questa nuova tappa nel lunghissimo percorso giudiziario per la più grave e sanguinosa strage mai avvenuta nella storia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi