closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Dal Mali, la chitarra wassoulou di Fatoumata Diawara

Note sparse. A metà strada tra la figura della folksinger e il ruolo di primo piano delle donne nel contesto delle musiche africane, l'artista pubblica «Fatou»

Fatoumata Diawara

Fatoumata Diawara

Ha cominciato a suonare la chitarra incoraggiata dall’amica Rokia Traoré, rompendo - entrambe - con gli schemi tradizionali che consideravano sconveniente imbracciarla per una ragazza. Fatoumata Diawara è arrivata alla ribalta con l’acclamato debutto, Fatou, con cui ha (ri)definito la sua posizione, a metà tra la figura di cantautrice e quella di folk singer, e il ruolo di primo piano delle donne nel contesto delle musiche africane. Ora esce Fenfo, «Qualcosa da dire», in lingua bambara. Lo stile che campeggia nell’artwork della cover e il concept del videoclip, Nterini, ci introducono agli umori e all’estetica «globale» del disco, che a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi