closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Dal governo alla procura, nessuno crede alla farsa

Le reazioni italiane. In parlamento è rivolta bipartisan: ricostruzione oltraggiosa. Letta: «Mi spiace, non ci credo». Gentiloni: «Vogliamo la verità» Renzi beffato dalle parole del dittatore

Il premier Renzi e il ministro Gentiloni

Il premier Renzi e il ministro Gentiloni

Nel tardo pomeriggio, quando ormai la rivolta contro le insultanti «verità» del Cairo sulla morte di Giulio Regeni monta come un’onda per tutto il paese, è il procuratore Giuseppe Pignatone a pronunciare parole ufficiali, pesanti come macigni: «La Procura di Roma ritiene che gli elementi finora comunicati dalla Procura egiziana al team di investigatori italiani presenti al Cairo non siano idonei per fare chiarezza sulla morte di Giulio Regeni e per identificare i responsabili dell’omicidio», scrive nero su bianco in un comunicato. È l’intimazione dello stop alla macabra messa in scena di una storia improbabile, la ’scoperta’ della colpevolezza di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.