closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Dal campo rom alla casa popolare. Abitanti e associazioni: «Vittoria»

Diritti. Un precedente importante per affermare che il superamento dei ghetti etnici può avvenire soltanto con la garanzia di diritti sociali universali

La manifestazione in Campidoglio del 26 gennaio scorso

La manifestazione in Campidoglio del 26 gennaio scorso

Per alcuni abitanti del «villaggio della solidarietà» di Castel Romano, il campo rom più grande della capitale, si aprono finalmente le porte di una casa popolare. Quindici persone sono già entrate in un alloggio pubblico, dodici lo faranno tra oggi e domani, una famiglia è in attesa delle chiavi, per alcune altre la ricerca è in corso. I numeri sono piccoli, ma il precedente è grosso. Riguarda i due terzi dei 77 abitanti dell’area F del campo situato nella riserva naturale di Decima Malafede, sequestrato a luglio scorso in un’inchiesta per reati ambientali. Rischiavano di subire uno sgombero senza alternativa,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi