closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Dai proletari di Gramsci agli eroinomani

Droghe. Paolo Nencini, farmacologo comportamentale, ha studiato, con documenti inediti, la storia politica della droga in Italia: «La minaccia stupefacente»

James Rosenquist,  Beach Call, 1979

James Rosenquist, Beach Call, 1979

Il «lato oscuro»: così oscuro da venire nascosto in un angolino della storia ufficiale. O cancellato. Ma esiste, eccome: oggi fattura poco meno di 300 miliardi di euro l’anno, coinvolge due-trecento milioni di persone nel mondo, regge l’economia di interi paesi in America e in Asia, e condiziona le economie degli altri paesi, quelli «forti». Eppure continuiamo a saperne poco, come poco si sa dei motivi che spingono tanta gente ad assumere le sostanze «psicotrope», come si chiamano in farmacologia le droghe. Su tanta oscurità qualche luce, e sull’Italia in particolare, la getta il libro di Paolo Nencini, La minaccia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.