closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Da Ramadi l’Iraq parte per Mosul

Isis. Il premier al-Abadi visita la città liberata e sfida lo Stato Islamico: «Nel 2016 sarete cancellati dal paese». Ora l'ostacolo è la Turchia che cerca di mettere il cappello sulla controffensiva contro la seconda città irachena

La bandiera irachena a Ramadi

La bandiera irachena a Ramadi

Il premier iracheno al-Abadi si gode una vittoria dall’enorme peso politico e militare: ieri ha fatto il suo ingresso trionfante a Ramadi, capoluogo dell’Anbar liberato dalla morsa dello Stato Islamico. È volato in elicottero nella città per incontrare i generali che hanno guidato la riconquista. Una visita sul campo necessaria a tenere accesso l’entusiasmo dell’esercito e delle unità volontarie sunnite, protagoniste per la prima volta della controffensiva militare. Ma la visita – aperta da un lancio di missili sopra il convoglio del premier e da un’autobomba esplosa contro un checkpoint militare, a ricordare che l’Isis è ancora vicino – è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.