closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Padova da «mamma Dc» al Pd, una città a tutto cemento

Nord-est. Legambiente denuncia la «bolla immobiliare»: quasi 8 mila alloggi vuoti

È la città delle gru, perché da almeno un quarto di secolo il «partito del mattone» a Padova regna sovrano. Dalle cave ai cementifici, dalle imprese edili ai consulenti di professione, dall’urbanistica «concertata» fino alle agenzie immobiliari: un modello inossidabile. Di fatto, nulla è cambiato nel business dei cantieri nutriti dalle betoniere che si intrecciano con gli interessi privati e la complicità delle pubbliche amministrazioni. Era così ai tempi di «mamma Dc». Già lo scandalo di Tangentopoli (stadio di calcio e nuovo tribunale) dimostrava il coinvolgimento politico dell’intero «arco costituzionale». Poi con i berluscones o l’Ulivo, nella rapida stagione leghista...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.