closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Da Longo al «no» alla Bolognina

La biografia. «Rottamatore» contro gli uomini di Secchia, avversario di Bertinotti 50 anni dopo

Luigi Longo, Enrico Berlinguer, Armando Cossutta e  Giorgio Amendola in una manifestazione a Milano negli anni 70

Luigi Longo, Enrico Berlinguer, Armando Cossutta e Giorgio Amendola in una manifestazione a Milano negli anni 70

Il 14 luglio 1948, appena si diffonde la notiziadell’attentato a Togliatti, 45mila operai di Sesto San Giovanni, la «Stalingrado d’Italia», riempiono la piazza del Rondò, occupano le fabbriche. Il commissario di polizia di Sesto si presenta da Armando Cossutta, ventenne segretario della sezione, e gli dice: «Dottore, io sono ai suoi ordini». «Non sono dottore», risponde Cossutta, e lo manda via. Poi, dopo sessant’anni, nelle sue memorie, spiega: «La sua era solo una mossa per seguirci più da vicino». Comunista allevato da Luigi Longo nella cura dell’organizzazione e della «vigilanza democratica», responsabile negli anni più duri della sicurezza interna del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi