closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Da Londra all’Amazzonia, i valori di Percy Fawcett

Cinema. Il nuovo film di James Gray, «The Lost City of Z», evento conclusivo del New York Film Festival, è il più ambizioso e di largo respiro realizzato finora dal regista. Un affresco d'epoca con al centro la figura dell'esploratore britannico

Robert Pattison

Robert Pattison

Girato in sontuoso 35mm, con ritmi che ricordano quelli di David Lean e un soggetto che rimanda alle imprese impossibili nelle giungle di Werner Herzog, Francis Coppola e Mel Gibson, The Lost City of Z ha chiuso sabato sera il New York Film Festival. Atteso da tempo (originariamente un titolo Paramount, uscirà invece, in Usa, targato Amazon, e solo la primavera prossima) questo ultimo lavoro di James Gray è il film più ambizioso e di largo respiro realizzato finora dal regista newyorkese, un affresco d’epoca, ambientato tra la Londra del primo novecento e le foreste dell’Amazzonia, più simile al recente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi