closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Da Dover all’Austria, l’orribile scia di sangue

I precedenti. Nel 2000 in Inghilterra la strage di 58 cinesi. Secondo un rapporto della National Crime Agency britannica nell’ultimo anno si è registrato un drastico aumento dei migranti che tentano la traversata della Manica stipati nei container

L'interno del camion trovato a Dover nel 2000

L'interno del camion trovato a Dover nel 2000

Una mattanza senza fine. Non è la prima volta che in Europa si assiste a tragedie come quella che ha colpito i 39 migranti trovati senza vita in un container nel complesso industriale Watergate Park nell’Essex. Quasi venti anni fa, nel giugno 2000, le autorità britanniche avevano rinvenuto nel porto di Dover i cadaveri di 58 migranti, di cui 54 uomini e 4 donne, tutti morti soffocati. I migranti, di nazionalità cinese, avevano viaggiato per più di 18 ore stipati nella parte posteriore del camion. Fuori la temperatura raggiungeva i 32 gradi. Il tir proveniva da una nave olandese arrivata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.