closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Da Dhuoda a Christine de Pizan, strategie femminili per scrivere la storia

SCAFFALE. A proposito del volume «Madri, madri mancate, quasi madri»

Christine de Pizan

Christine de Pizan

Cosa significa essere madri nel medioevo? E la dimensione della maternità, essenziale nella rappresentazione della donna, e non soltanto in quei secoli, ne esaurisce la funzione? Prova a rispondere a queste difficili domande Maria Giuseppina Muzzarelli nel suo nuovo libro Madri, madri mancate, quasi madri. Sei storie medievali (Laterza, pp. 174, euro 18). Autrice nota per i suoi studi sul mondo femminile medievale, sulla moda, sui costumi materiali e morali, Muzzarelli prende qui in considerazione sei personaggi, sei donne molto differenti fra loro per epoca (il cosiddetto medioevo copre un periodo di dieci secoli, dunque al suo interno conosce enormi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.