closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Da costumista a sarta di burqa, i sogni infranti di Azimi in una terra «strappata»

Il racconto di una donna afghana. «Non sono riuscita a prendere nessun aereo. Ho preferito bruciare i miei documenti»

Una sfilata a Kabul nel 2017

Una sfilata a Kabul nel 2017

«Se un rammendo potesse fermare lo strappo sfilettato della società afghana sarebbe molto bello” dice Azimi T., indicando con il termine inglese tear lo strappo da rammendare. Eppure quel tear vuol dire anche «lacrima», come se la voglia di un pianto, protratto da almeno vent’anni, potesse sistemare queste rovine ben più profonde di uno strappo. Azimi oggi è una sarta di burqa in una terra che va a caccia di museruole per le donne. Azimi in un tempo molto vicino era costumista per dervishi in giro per il mondo, da Tirana a Istanbul. COM’È ESSERE una donna di cultura, a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.