closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cyber Crimes Law, l’Autorità Palestinese a caccia di giornalisti e blogger

Cisgiordania/Gaza. Proteste e raduni dopo che nei giorni scorsi la Corte di Ramallah ha ordinato la chiusura di 49 tra siti e account di social  - che avrebbero pubblicato materiale «pericoloso» per la sicurezza nazionale - nel rispetto della legge contro i cosiddetti crimini cibernetici approvata nel 2017

Manifestazione a Ramallah contro la Cyber Crimes Law

Manifestazione a Ramallah contro la Cyber Crimes Law

«Due anni fa fui arrestato dalla polizia palestinese e chiuso in cella per sette giorni. Mi accusarono di aver violato la Cyber Crimes Law, ossia di aver commesso dei crimini attraverso internet criticando sui social il presidente (Abu Mazen), il premier e ministri dell’Autorità nazionale palestinese». Issa Amro racconta al manifesto una delle pagine più buie della sua vicenda di attivista per i diritti dei palestinesi. «Ero abituato all’oppressione da parte delle forze israeliane – prosegue Amro, noto per le sue battaglie a difesa dei palestinesi di Hebron -, avevo messo in conto che la mia denuncia dell’occupazione militare israeliana...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.