closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Curde di Afrin vendute come schiave in Libia

Siria. Interrogazione parlamentare dell'Hdp al ministro degli esteri turco: centinaia di donne e ragazze del cantone curdo-siriano occupato da Ankara nel 2018 rapite per i mercenari a Tripoli

L’accusa è giunta da una deputata del partito di sinistra filo-curdo Hdp, Tulay Hatimogullari, in un’interrogazione rivolta a fine anno al ministro degli esteri turco Cavusoglu: centinaia di donne e ragazze del cantone curdo-siriano di Afrin, occupato dalla Turchia e dalle milizie islamiste nell’aprile 2018, sono state portate in Libia per fare da schiave sessuali ai mercenari inviati da Ankara al fianco del governo di Tripoli. Rapite e fatte passare dal confine turco-siriano per essere vendute a trafficanti e poi condotte in Libia. A darne conto era stato il network Afrin Report che cita le denunce dei residenti, già verificate...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi