closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Cultura, serve il ’68

Il bravo e tenace ministro Bray, titolare del dicastero dei beni e delle attività culturali e del turismo, non faccia quello che preconizzò un illustre leader di un’altra epoca, vale a dire «un passo avanti e due indietro». Non lo meriterebbe e non sarebbe giusto. Stiamo parlando del valore e dei limiti del decreto-legge dell’agosto 2013, obiettivamente il primo provvedimento di respiro in materia culturale. Dopo anni allucinanti, per la malvagità dei tagli da macelleria al Fondo unico dello spettacolo e all’insieme degli istituti appartenenti alla sfera dei beni immateriali, torna un po’ di luce. Il testo è in discussione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.