closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Cucchi, tutti assolti «Allora Stefano è vivo?»

Corte d'Assise d'Appello. Cinque anni dopo, sentenza choc per la morte del giovane detenuto. Cancellata la sentenza di primo grado che condannò sei medici del Pertini di Roma. Non accolta la richiesta di rinviare gli atti in procura. Anselmo: «Andremo in Cassazione»

La madre, il padre e la sorella di Stefano Cucchi

La madre, il padre e la sorella di Stefano Cucchi

«Cosa vuol dire? Che Stefano è vivo, è a casa e ci sta aspettando?». Sono le prime parole che riescono a dire, la madre e il padre di Stefano Cucchi, il geometra trentunenne morto una settimana dopo il suo arresto (avvenuto, per possesso di stupefacenti, il 15 ottobre del 2009) nel reparto detenuti dell’ospedale Sandro Pertini di Roma. Dopo nemmeno tre ore di camera di consiglio, il giudice Mario Lucio D'Andria, a capo del collegio giudicante della prima Corte di Assise d'Appello, legge la sentenza che nessuno si aspettava, nemmeno nelle peggiore - o migliore, a seconda del punto di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.