closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cuba vigila ma non si chiude. E aiuta gli altri

L'emergenza è l'embargo Usa. Malgrado gli unici casi di coronavirus accertati siano d’importazione, gli aeroporti restano aperti. Così le scuole. Il governo ostenta calma. E i medici cubani sono di nuovo richiesti in mezzo mondo. Anche in Italia

L'Avana, 13 marzo 2020. Trasporto turisti al tempo del coronavirus

L'Avana, 13 marzo 2020. Trasporto turisti al tempo del coronavirus

«Tranquillo Roberto, tra un po’ mandiamo i nostri medici e medicinali a darvi una mano in Italia». Il mio vicino di casa, che nei giorni scorsi era passato da una sentita preoccupazione per la sorte dei miei famigliari nella penisola messa in ginocchio dal Covid-19 a un vago sospetto che i miei amici italiani fossero una sorta di untori, adesso sfoggia l’orgoglio un po’ guascone, caratteristico dei cubani, per il fatto che una piccola isola possa andare in soccorso a nazioni più ricche e potenti. In sostanza ha ragione. I responsabili della sanità cubana stanno scegliendo il personale medico «per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi